gli infestanti

La nostra azienda è in costante aggiornamento per trovare soluzioni risolutive a lungo termine e soprattutto nel rispetto dell’ambiente.

Topo e Ratto

Le esche rodenticide devono essere utilizzate in modo da non essere pericolose per gli animali non-bersaglio (ad esempio cani o animali selvatici): per questo vanno attentamente mappate, segnalate tramite cartelli e debitamente fissate all’interno degli appositi contenitori (erogatori o bait box). Il consumo delle esche nelle singole postazioni va monitorato con regolarità e le esche anche parzialmente consumate vanno sostituite con esche “nuove”.

Blatta Orientalis

può contaminare con esuvie, ooteche e feci gli ambienti ove gli alimenti vengono preparati e immagazzinati. Oltre alla contaminazione batterica, ha rilevanza sanitaria anche il fatto che alcune componenti dell’esoscheletro delle blatte sono allergeni.

Blattella Germanica

Può contaminare con esuvie, ooteche e feci gli ambienti ove gli alimenti vengono preparati e immagazzinati. Oltre alla contaminazione batterica, ha rilevanza sanitaria anche il fatto che alcune componenti dell’esoscheletro delle blatte sono allergeni.

Supella Longipalpa

Può contaminare con esuvie, ooteche e feci gli ambienti ove gli alimenti vengono preparati e immagazzinati. Oltre alla contaminazione batterica, ha rilevanza sanitaria anche il fatto che alcune componenti dell’esoscheletro delle blatte sono allergeni.

Periplaneta Americana

Tramite tubazioni e canaline può invadere (ad esempio) industrie e magazzini e può contaminare con esuvie, ooteche e feci gli ambienti ove gli alimenti vengono preparati e immagazzinati. Oltre alla contaminazione batterica, ha rilevanza sanitaria anche il fatto che alcune componenti dell’esoscheletro delle blatte sono allergeni.

Vespa e Calabrone

Le vespe difendono il nido e se si sentono minacciate possono pungere iniettando il loro veleno, responsabile di una reazione allergica locale e, in alcuni casi, generale (shock anafilattico). Il calabrone può essere più pericoloso per la sua attività anche notturne e per la maggior quantità di veleno che inietta.

Zanzara

Le zanzare sono un fastidio, soprattutto nelle aree aperte in occasione di sagre, feste, spettacoli, ecc. Aedes albopictus, con il suo comportamento, può rendere spiacevole il soggiorno in parchi e giardini anche durante il giorno. Le zanzare possono veicolare malattie infettive da vettore (Vector Borne Disease, VBD): Culex pipiens è vettore della West Nile disease, mentre Aedes albopictus in Italia è stata coinvolta nell’insorgenza di un focolaio di febbre Chikungunya.

Mosca

Le mosche sono sempre alla ricerca di cibo: posandosi su immondizia, feci e su ogni genere di materiale possono essere vettori di virus, batteri, uova e larve di parassiti e altri agenti patogeni. È in grado di riprodursi con estrema facilità sia per la capacità di deporre le uova all’interno di qualsiasi materiale di natura biologica in decomposizione, sia per la velocità con cui le larve raggiungono lo stato di individuo adulto.

Formica

Un fenomeno legato alle formiche, che può causare inconvenienti per la sua vistosità, è la cosiddetta “sciamatura”. Questo fenomeno avviene solitamente una o due volte all’anno, in primavera e in estate, a seconda della specie e dura circa 2-3 giorni.
Durante la sciamatura, le formiche alate (regine e maschi) lasciano in volo il formicaio al fine di accoppiarsi e formare nuove colonie.

Zecca

Il morso della zecca non è di per sé pericoloso per l’uomo, i rischi sanitari dipendono invece dalla possibilità di contrarre infezioni trasmesse da questi animali in qualità di vettori. L’eziologia di queste malattie da vettore comprende diversi microrganismi: protozoi, batteri e virus..

Pulce

Le punture delle pulci sugli essere umani sono di solito multiple, spesso concentrate negli arti inferiori. Provocano un forte prurito, e quindi possibili ulteriori lesioni da grattamento. Potenzialmente le pulci sono anche vettori di malattie infettive, come ad esempio la Peste, trasmessa dai Roditori all’uomo tramite le pulci.

Cimice dei letti

Le punture delle cimici dei letti provocano dei gonfiori infiammatori che danno molto prurito. Le dimensioni di queste lesioni possono variare notevolmente in base alla sensibilità dell’individuo colpito.

Acaro

Gli acari sono responsabili di pericolose infestazioni dette acariasi. Sono dotati di rostri pungenti e penetranti con cui mordono, scavano e si ancorano all’animale di cui sono parassiti, e di ventose con cui si aggrappano alla cute.

Tarlo

L’ultimo metodo introdotto per la lotta ai tarli è il metodo anossico. Questo sistema, introdotto nell’ultimo quindicennio, ha il vantaggio di essere contemporaneamente innocuo per i materiali, ma efficace con l’insetto infestante in ogni stadio di vita: uova, larva, pupa e adulto.

Termite

Termite del legno secco: attacca strutture lignee anche molto secche, come parquet e travi. Il legno infestato assume aspetto tipicamente sfogliato a strati sovrapposti intercalati da lacune disseminate di escrementi.

Termite sotterranea: attacca strutture lignee con alto tasso di umidità. Il legno infestato assume aspetto tipicamente sfogliato a strati sovrapposti intercalati da lacune tappezzate con un tipico “legno di sostituzione”.

Calandra Granaria

La Calandra Granaria è solito girovagare nei pressi di aziende che producono pasta, panificati, cereali, riso, creando innumerevoli danni, e anche nelle abitazioni comuni vicino alla dispensa. Anche se di fatto non fanno alcun male, possono comunque portare malattie e compromettere l’igiene degli alimenti.

Processionaria

La processionaria è un pericoloso insetto appartenente all’ordine dei lepidotteri, che deve il suo nome alla disposizione che assume muovendosi sul terreno, disponendosi in fila e formando appunto una sorta di processione. Provoca gravi danni alla flora, ma è pericolosa sia per gli animali che per gli esseri umani.

Volatili

Gli uccelli infestanti possono essere portatori di diverse patologie oltre che favorire l’infestazione di alcuni insetti.
gabbiani e i piccioni possono provocare infezioni fungine, influenza aviaria oppure diffondere batteri e infezioni come la Psittacosi, quando si entra in contatto con le loro piume.

Batteri

Spesso, i batteri sono associati al sudiciume o a determinate malattie, ma in realtà molti di essi sono particolarmente utili all’uomo; pensiamo, ad esempio, ai batteri che consentono la produzione dello yogurt, o a quelli che costituiscono la flora simbionte intestinale.