Cimice dei letti

Nome scientifico: Cimex lectularius

Classificazione: ordine Eterotteri, famiglia Cimicidi 

Morfologia:  è un insetto cosmopolita molto piccolo (lungo non più 5-6 mm) e dal corpo appiattito che gli permette di rifugiarsi anche nei più piccoli anfratti. Quando è a digiuno è di colore giallastro quasi translucido, mentre dopo il pasto di sangue diventa color rosso-mattone scuro e il corpo si allunga e rigonfia

Come si comporta: si nutre di sangue che ottiene pungendo esseri umani ed altri animali a sangue caldo. Però possono resistere diversi mesi (fino ad un anno!) a digiuno completo.

Si rifugia in luoghi chiusi frequentati da animali a sangue caldo, nascondendosi in anfratti (materassi, moquette, imbottiture dei divani ecc…) dove i diversi individui formano degli aggregati.  Esce dai suoi rifugi solo di notte, per nutrirsi di sangue. Oltre che le abitazioni private, è un problema potenziale per alberghi, ostelli ecc... e per mezzi di trasporto come treni, aerei e navi.

Importanza: le punture delle cimici dei letti provocano dei gonfiori infiammatori che danno molto prurito. Le dimensioni di queste lesioni possono variare notevolmente in base alla sensibilità dell'individuo colpito.